Savona: “Risparmi su ma niente crescita. Bitcoin in espansione. Rischio bolla”

Paolo Savona, presidente della Consob (Commissione nazionale per le società e la Borsa), nel suo discorso in occasione dell’incontro annuale coi mercati finanziari, ha fatto il punto sui primi segnali di ripresa economica del Paese, i nodi ancora da risolvere e le sfide future da affrontare. 

Il Bitcoin schizza verso 40.000 dollari dopo il tweet di Elon Musk

Il Bitcoin ha toccato un picco di due settimane sfiorando la soglia dei 40.000 dollari, spinto da un altro tweet del numero uno di Tesla, Elon Musk. 

“Quando ci sarà conferma di un ragionevole (circa il 50%) utilizzo di energia pulita da parte dei miners con un tendenza futura positiva, Tesla riprenderà a consentire le transazioni Bitcoin”, ha scritto Musk sul social.

La criptovaluta è così schizzata di oltre il 9% dopo quel messaggio, per raggiungere i 39.838 dollari. 

Dopo un 2020 che “a causa della pandemia è stato uno degli anni peggiori vissuti dall’Italia sul piano economico e sociale dalla fine della Seconda Guerra Mondiale”, l’Italia si è “avviata verso la ripresa economica già dalla fine dell’anno scorso e più nettamente nei primi mesi del 2021”. In generale, il Paese- ha sottolineato Savona- “mostra volontà propria di affrontare i problemi irrisolti, anche avvalendosi del mutamento di attitudine di politica fiscale dell’Unione Europea, necessario fondamento della coesione tra paesi membri”. 

Sia l’Unione Europea che l’Italia hanno infatti “attivato un ampio arco di strumenti di politica economica per controllare gli effetti della situazione emergenziale, anche impegnando le  strutture esistenti in compiti nuovi”, ha concluso Savona. Questo “non deve sorprendere perché il contenuto razionale dell’azione umana spinge a “scegliere di ottenere il migliore risultato al minor costo”.

“Le imprese private, soprattutto se esportatrici, sono costrette dalla concorrenza a risolvere i propri problemi senza indugi, pena l’esclusione dal mercato; questa loro capacità rappresenta un cardine della crescita e un fondamento del buon funzionamento della democrazia, che ha il potere di correggere la distribuzione del reddito determinata dall’attività produttiva e commutativa attraverso regolamenti, imposte e tasse”, ha aggiunto il presidente di Consob. “Quando queste forme sono insufficienti e il risparmio non viene utilizzato dai privati, lo Stato ricorre all’indebitamento, non sempre però a seguito di una fondata valutazione degli effetti redistributivi intergenerazionali”, ha concluso Savona. 

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Rimani Connesso

3,515FollowerSegui
0IscrittiIscriviti
spot_img

Storie Recenti