Espansione del talento, una strategia chiave per generare innovazione

Ascolta la versione audio dell’articoloAll’improvviso assistiamo alla proliferazione di corsi di formazione sull’innovazione e la creatività. Rivolti ai dirigenti come al personale più operativo. Forse questa esigenza è dovuta alla scossa che la pandemia ci ha dato, o forse all’accelerazione della rivoluzione digitale, o forse semplicemente perché il momento è adesso. Credo che le aziende abbiano maturato definitivamente la consapevolezza che non si può più tracciare una linea senza alzare mai la matita dal foglio e che non abbiamo più molte equazioni da spenderci per prevedere il futuro. La sintesi è che bisogna dotarsi di immaginazione, non replicare il passato e agire con innovazione e creatività. Punto.Ma appare chiaro che questo è solo uno scoglio che affiora e che, andando in profondità, è in atto una rivoluzione dei paradigmi alla base delle culture organizzative e degli approcci manageriali. L’incertezza e la complessità crescente rendono necessari nuovi mind set, mettono in discussione il vecchio approccio delle strategie deliberate che devono essere sostituite con le strategie emergenti e con il try&learn.Anche se concettualmente ci sembra lontano, partiamo da qui: condanniamo i giovani per il loro vivere in un presente allargato, ci sembrano indifferenti al futuro e non capiamo. Ma quando mio figlio – che opera nel settore musicale – mi dice che “ora è questo il genere che tira”, ed “è ora che ho questa possibilità di pubblicare” e “ora, c’è possibilità di andare a New York per fare la clip”,… con tutti questi ora (sommati e concatenati, a definire una situazione specifica e presente perché transitoria) dice che nella complessità e nella incertezza non si fanno analisi dettagliate, e piani A, piani B, e dopo il piano giù a testa bassa nella execution: si parte dal “qui e ora” e si perturbano le traiettorie, e poi si fa nuovamente, perché verso il futuro, se vuoi esserne protagonista, ci si muove così. Quindi, sarei tentato di portare un giovane come mio figlio per raccontare ai manager un concetto fondamentale: il concetto di “espansione del talento”.In un mondo organizzativo ossessionato dall’execution, il try&learn non è più una delle pratiche ma emerge come approccio maestro alle strategie aziendali e di vita personale. E cambia radicalmente l’approccio al talento individuale e collettivo. Il movimento verso l’incertezza rende paradossale l’idea stessa di “colmare le competenze deboli” facendone il focus dello sviluppo.Il primo paradosso è che, facendo così, stiamo scommettendo sulla stabilità del contesto che, negli ambienti ad alta complessità nei quali viviamo, si rivela illusoria.Il secondo paradosso è che, mentre utilizziamo energia per colmare il deficit di competenza, stiamo togliendo nutrimento e focus ai nostri talenti e alla loro piena espressione, depotenziando la nostra azione agile. L’azione del “qui e ora” si alimenta infatti del talento e del coraggio disponibili. Il terzo paradosso è che il lavoro sul miglioramento delle debolezze richiede una alta quantità di energia per attivare e sostenere il circolo virtuoso di focalizzazione, sforzo apprenditivo e motivazione. Ma, mentre gli ambienti stabili o a bassa complessità sostengono questo circolo virtuoso e lo ripagano, gli ambienti caratterizzati da incertezza e complessità medio-alta non lo fanno perché necessitano, per così dire, di “piatti pronti”.

Related Posts

Comments

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Stay Connected

3,048FollowerSegui
0IscrittiIscriviti
spot_img

Recent Stories