Quello che politica e comunicazione devono imparare dalla cooperazione condizionale

I punti chiaveUn banco di prova per la cooperazione umanaLa tentazione del free-riding
L’apprendimento dei “topolini” L’ipotesi della strategia Cooperatori condizionali vs opportunisti incalliti Il ruolo della cooperazione condizionaleAscolta la versione audio dell'articolo

8' di lettura

I beni pubblici e i beni comuni, simili per molti versi tra loro anche se i primi non si consumano con l’uso mentre i secondi invece sì, sono, come abbiamo visto varie volte, dei beni fragili. I beni pubblici, infatti, sono soggetti alla logica del free-rider, di coloro che ne vogliono godere i benefici senza doverne sopportare il costo di produzione; l’espressione “free-rider” fa riferimento a coloro che usano i mezzi pubblici senza saldare il biglietto.

Gli evasori fiscali che usufruiscono gratuitamente della sanità pubblica, mandano a scuola i loro figli, possono vivere sicuri protetti dai corpi di polizia e dai vigli del fuoco e possono fare passeggiate in parchi puliti e curati, sono l’esempio classico di free-rider.

Loading…

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Rimani Connesso

3,376FollowerSegui
0IscrittiIscriviti
spot_img

Storie Recenti