Stagione di dilemmi politici, economici e istituzionali per la Ue

Ascolta la versione audio dell'articolo

4' di lettura

La crisi pandemica è stata politicamente molto difficile da gestire, sia a livello europeo che nazionale, ma non ha posto particolari dilemmi dal punto di vista della politica economica. Le politiche fiscali, monetarie e strutturali dovevano spingere tutte nella stessa direzione: verso l’espansione. Questo era il compito del esordiente strumento orizzontale di acquisto titoli (il Pepp) della Banca centrale europea, della sospensione del Patto di stabilità e crescita, del sostegno alle casse integrazioni nazionali attraverso il programma Sure e, infine, della creazione di Next Generation Eu (Ngeu). Anche prima della pandemia, non c’erano tensioni fra inflazione e crescita: nelle previsioni di autunno 2019, la Commissione europea prevedeva una crescita modesta all’1,4%, nel 2019 e 2020, in decelerazione rispetto al 2018, con un’inflazione all’1,4%, quindi sotto l’obiettivo del 2% della Bce. La strategia di transizione ecologica e digitale proposta dalla Commissione europea dava il quadro all’interno del quale orientare le scelte di riforma e investimento. Il combinato disposto delle misure monetarie e fiscali ha avuto un scontro favorevole sulla fiducia
degli investitori anche prima del pagamento di un solo euro di Ngeu.

La situazione è radicalmente cambiata con l’invasione russa dell’Ucraina. L’Unione europea deve far fronte oggi
ad almeno tre dilemmi.

Loading…

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Rimani Connesso

3,434FollowerSegui
0IscrittiIscriviti
spot_img

Storie Recenti